La verità sul cancro alla prostata

Secondo la Canadian Cancer Society, il cancro alla prostata è il più diffuso tra gli uomini in Canada, ad eccezione del cancro della pelle diverso dal melanoma. Nel 2009, i dati statistici, le probabilità e le tendenze sono riassunti come segue: “Stimiamo tra 25.500 il numero di uomini che riceveranno una diagnosi di cancro alla prostata e tra 4.400 il numero che morirà a causa di essa. In media, ogni settimana, 490 canadesi saranno avvertiti di avere un cancro alla prostata. D’altra parte, ogni settimana, una media di 85 canadesi morirà per altre conseguenze della malattia. Un uomo su sette è a rischio di cancro alla prostata nel corso della sua vita (il rischio più alto è negli uomini di età superiore ai 60 anni); uno su ventisette morirà. Nel complesso, l’incidenza del cancro alla prostata è aumentata dal 1980, probabilmente a causa di un’ intensificazione delle dignosi precoci o di possibili cambiamenti nei fattori di rischio “.

Un fattore di rischio non è una causa; nella migliore delle ipotesi, è un tentativo di spiegare la possibile origine del cancro. In effetti, spesso vediamo come nessuno dei fattori di rischio riconosciuti si applichi all’uomo che riceve una tale diagnosi. Queste pratiche invocano la fatalità, perché per il paziente viene svelato il mistero della propria condizione.

Nei fatti, gli oncologi non sanno veramente cosa causa questo cancro; basando la loro previsione sulle statistiche, hanno solo stime e ipotesi per spiegare di cosa muoiono i malati di cancro. È riconosciuto che l’aumento di questa forma di cancro dipenderebbe da un’intensificazione della diagnosi precoce o da possibili modifiche (non dimostrate) dei fattori di rischio (ipotesi). La stessa strategia viene utilizzata per far credere che i trattamenti aumentino il tasso di sopravvivenza; infatti le statistiche includono anche pazienti non cancerosi. Ancora parlare di cellule precancerose è una sciocchezza, ma per il paziente che non sa nulla, la parola spaventa.

Non conosciamo le cause del cancro alla prostata, ma diciamo comunque che sarebbe dovuto alla “crescita incontrollata di cellule che sono diventate maligne”. Diciamo che queste cellule possono disperdersi nell’addome e in altre parti del corpo, ad esempio nelle ossa. La domanda che sorge riguardo a questa presunta dispersione è: come è possibile che le cellule che fanno massa (tumori alla prostata, per esempio) diventino cellule che fanno “buchi” nell’osso (cancro alle ossa) e in questo modo, contro ogni logica, cambiano improvvisamente il loro ruolo e la loro funzione nel corpo? È biologicamente inconcepibile.

La verità sui trattamenti convenzionali

La disfunzione erettile può influire notevolmente sulla qualità della vita dei pazienti sottoposti a trattamento per il cancro alla prostata. La credenza che questo cancro provochi impotenza negli uomini è molto comune; in realtà, la causa diretta risiede nei trattamenti convenzionali.

La chirurgia (prostatectomia) – l’ablazione della prostata e delle vescicole seminali – ha sempre delle conseguenze. L’assenza di una prostata causa disfunzione erettile, impotenza temporanea o permanente e spesso incontinenza. La prostatectomia radicale implica un’ablazione completa della prostata e della porzione di uretra che la attraversa. L’uretra, insieme allo sfintere, è attaccata direttamente alla vescica.

Secondo i dati medici, la prostatectomia causerebbe la perdita della funzione erettile nel 30-90% degli uomini; più si avanza nell’età, più aumenterebbe la percentuale, il che spiegherebbe questa differenza, ma in realtà la causa è il grado di sezionamento del nervo cavernoso al momento dell’intervento chirurgico. Dopo una prostatectomia, la grande maggioranza degli uomini sperimenta orgasmi secchi senza eiaculazione; logicamente, la prostata e le vescicole seminali responsabili della produzione di liquido spermatico sono assenti.

Eludere la morte

La radioterapia mira a distruggere le cellule tumorali mediante radiazioni elettromagnetiche esterne emesse da un dispositivo di radioterapia. Cercano di rispettare i tessuti sani periferici, ma, nell’esperienza reale, cosa succede? I tessuti sani situati nel volume irradiato subiscono lesioni più o meno significative. Questo trattamento provoca una perdita della funzione eiaculatoria a causa della fibrosi progressiva dei tessuti ghiandolari. La tossicità nei tessuti sani continua ad essere, attualmente, un problema inevitabile legato a questo tipo di trattamento (Stone, H.B., Coleman, C.N., Anscher, M.S., and McBride, W.H. (2003). “Effects of radiation on normal tissue: consequences and mechanisms”. Lancet Oncol 4, 529-536.).

La brachiterapia, ovvero l’impianto chirurgico di sorgenti radioattive, segue lo stesso principio e causa gli stessi problemi. La Curie Therapy, altra forma di radioterapia, fa uso di sostanze radioattive (impianti) che vengono introdotte nel corpo del paziente vicino al tumore o direttamente nella prostata.

La terapia ormonale, che impedisce agli ormoni (tra loro il testosterone) di promuovere la crescita del tumore, e la crioterapia – congelando il tumore con azoto liquido – possono essere utilizzate anche per distruggere le cellule tumorali. Gli uomini spesso perdono l’appetito sessuale dopo aver subito tale trattamento.

Infine, la chemioterapia, che consiste nel somministrare (per iniezione o sotto forma di compresse) agenti chimici tossici per uccidere le cellule cancerose, ha effetti collaterali di cui essere consapevoli.

I tumori della prostata curati in questo modo spesso ne pagano le conseguenze con un certo grado di incontinenza o impotenza, per non parlare di una possibile recidiva del cancro. L’uso di farmaci come Viagra, Cialis o Levitra non sempre, se non raramente, dà i risultati aspettati dopo una prostatectomia.

Il rilevamento del cancro alla prostata fa più male che bene?

Questo è il titolo di un articolo pubblicato su “Le Monde” il 13 luglio 2009. Solo ponendo la domanda non si ottiene una risposta inmediata?

“Le attuali forme di rilevamento del cancro alla prostata in Francia generano molta più morbilità di quanto la evitino. (…) Le autorità sanitarie non raccomandano il rilevamento sistematico del cancro alla prostata dopo i 50 anni; sempre più medici propongono agli uomini asintomatici un dosaggio di PSA (antigene prostatico specifico, marker biologico della ghiandola prostatica). Tuttavia, le qualità diagnostiche di questo test non smettono di generare discussione poiché la percentuale di diagnosi di falsi positivi è molto importante”.

“Il cancro alla prostata ha un’evoluzione estremamente lenta; la sua rilevazione sistematica porta a una sovradiagnosi e un sovratrattamento”, sottolinea il dottor Guy Launoy, direttore del gruppo di ricerca Inserm” Cancri e popolazioni “presso il Centro Ospedaliero Universitario di Caen (Francia). I trattamenti (chirurgici o radioterapici) hanno spesso effetti secondari difficili da affrontare. Secondo lui, creiamo così morbilità in centinaia di uomini.

Nel suo recente rapporto dedicato “all’evoluzione della mortalità per cancro in Francia dal 1950 al 2006″, l’Istituto nazionale per la sorveglianza sanitaria indica che l’incidenza del cancro alla prostata è triplicata tra il 1990 e il 2006 a causa della generalizzazione del dosaggio di PSA. “È impossibile dire oggi se il rilevamento abbia creato un’epidemia di diagnosi inutili o abbia contribuito alla diminuzione della mortalità (…) La possibilità di diagnosi inutili è supportata da studi autoptici sistematici nella popolazione generale, che rileva il cancro alla prostata nel 30% degli uomini di 30 anni e l’80% degli uomini di 80 anni. ” Specifichiamo che questo cancro è la seconda causa di mortalità, in Francia, per cancro nell’uomo, dopo il cancro ai polmoni.

“Dire che prima viene scoperto un cancro, più lunga è la sopravvivenza, contiene un errore”, secondo il dott. Launoy. “In effetti, se le pratiche diagnostiche portano a rilevare i tumori prima, la sopravvivenza a cinque anni, ad esempio, sarà automaticamente migliorata. Inoltre, se questi rilevamenti portassero all’identificazione di tumori che non sarebbero mai diventati sintomatici, la sopravvivenza apparirà artificialmente migliorata oltre a questi casi che non si sarebbero mai ammalati “.

“Non toccare la mia prostata”

Più di 200 medici hanno firmato il manifesto “Non toccare la mia prostata”, lanciato pochi mesi fa dal Dr. Dominique Dupagne, fondatore del forum di discussione medica indipendente Atoute.org. “Ogni anno migliaia di uomini vengono spaventati, operati, irradiati, resi impotenti o incontinenti per un ipotetico beneficio”, denuncia questo manifesto.

Secondo il dottor Dominique Dupagne, con questa rilevazione si conclude, in molti casi, dopo la scoperta, nella prostata, di cellule cancerose che non avrebbero mai causato il cancro. “La metà degli uomini di 60 anni ha cellule cancerose nella prostata, è un fenomeno quasi normale; è anche il caso di circa il 100% degli uomini sui 90 anni. L’unico grande studio scientifico per valutare l’impatto del rilevamento del cancro alla prostata ha verificato che gli uomini che sono stati spinti a sottoporsi al rilevamento erano morti di cancro alla prostata più spesso di quelli che non ne erano stati incitati a farlo.

L’era della ‘sovradiagnosi’

Definizione di sovradiagnosi:

individuazione di cancro che non avrebbe mai messo in pericolo la vita della persona ma, al contrario, motivano un trattamento (National Institute of Health degli Stati Uniti). La nozione di sovradiagnosi è concettualmente identica a quella di pseudo-cancro o falso positivo.

Nella sua presentazione “Rilevamento del cancro: sovradiagnosi e logica istituzionale” (Gruppo di studio in statistica ed epidemiologia (GESTE), Dipartimento di sanità pubblica, Facoltà di medicina di Rennes, Francia, 2005), il Dr. Bernard Junod sottolinea che “i cancri non evolutivi, pseudo-cancri, vengono diagnosticati [istologicamente, quindi incerti] in un numero maggiore a causa del rilevamento. L’illusione dell’efficacia del trattamento contribuisce a rafforzare l’idea che la diagnosi precoce sia benefica, mentre molti di loro non si evolvono, non creano problemi di salute né hanno bisogno di trattamenti.

“Dovrei fare il test per il cancro? Forse no, ed ecco perché “di H. Gilbert Welch – tradotto dal Dr. Fernand Turcotte (Le Stampe dell’università Laval, 2005, 263 pagine) – contraddice una delle credenze della medicina: la migliore difesa contro il cancro è curarlo precocemente . “Il libro è rivolto a tutto il mondo e spero che i medici lo leggano. Personalmente, non ho nulla da guadagnare da questo. Quello che mi preoccupa, soprattutto, è la sofferenza che viene utilmente inflitta alle persone “.

Diagnosi VS budget

Negli Stati Uniti, il “Total Body Scan” semina il caos. “Per 1.000 dollari, otteniamo una TAC completa degli organi vitali del tronco; un esame che, almeno in teoria, dovrebbe informare la persona su tutto ciò che minaccia la sua salute. Ai pazienti viene dato un CD contenente le immagini del proprio corpo e un rapporto di 16 pagine pieno di dati. Le persone che avevano buona salute prima dell’esame escono con molte anomalie il cui significato ancora ci sfugge e si precipitano tra le braccia del loro medico per essere curate ”, lamenta il dottor Fernand Turcotte.

Più cerchiamo, più troviamo

Nessun test in medicina è perfetto al 100% e sembra che quelli del Québec non siano affatto affidabili. I falsi negativi e i falsi positivi sono più numerosi di quanto potremmo credere; infatti, un uomo in perfetta salute potrebbe credere di avere il cancro, uno shock da non sottovalutare, per non parlare di un omicidio pianificato. Se il test è corretto nessuno può prevederne le conseguenze, visto che la prognosi non è mai basata sulla persona, ma sulle statistiche. D’altra parte, spesso rileviamo sospette anomalie che tornano indietro spontaneamente. Gli uomini senza alcun sintomo a cui è stato diagnosticato un cancro alla prostata possono infatti, a seconda dei loro sentimenti, sviluppare un altro tipo di cancro. E quanti muoiono per ragioni diverse dal loro presunto cancro alla prostata. Supponendo che il test classifichi correttamente una persona, ci sono sempre alcuni pazienti che non avrebbero avuto conseguenze dalla diagnosi di cancro. Restiamo nell’ambito delle stime, ma l’incidenza e la mortalità sono in costante aumento.

Lo sviluppo demografico e l’invecchiamento della popolazione, ragioni spesso citate per spiegare questa notevole progressione, non spiegano tutto. Quando si sa che il rilevamento genera attivazione, si capisce che ogni uomo sano o che soffre di qualcosa di poco importante diventa interessante. Dove la scarpa si stringe è quando questo rilevamento, fatto con spirito di prevenzione, non dà prova di un miglioramento della Salute Pubblica. Potremmo persino sospettare che le attività di rilevamento del cancro potrebbero essere arruolamento per i “campionati principali”, perché sicuramente aumenteranno la clientela di urologi e oncologi. Il rilevamento sembra fare più male che bene; se la prevenzione ha tanti effetti indesiderati, è soprattutto a causa dei margini di errore.

Nel maggio 2009, il presidente della Federazione dei medici specialisti del Québec, il dottor Gaétan Barrette, ha dichiarato che i patologi del Québec stavano affrontando una grave carenza di personale; pur lavorando con apparecchi obsoleti, di un’altra epoca, aumentavano anche i rischi di variazione dei risultati di laboratorio. “Québec non ha seguito il miglioramento tecnologico. Inoltre, tutti i processi di controllo della qualità sono quasi inesistenti. È l’intera catena che porta ai test diagnostici che è in gioco. I patologi hanno espresso da tempo la necessità di stabilire meccanismi di controllo in questo settore “.

I veri risultati dei trattamenti convenzionali

Se esaminiamo seriamente i risultati dei trattamenti convenzionali, che pretendono di ottenere circa il 50% di cure, dobbiamo prima di tutto comprendere la portata delle statistiche mediche: la cura del cancro significa solo una remissione in cinque anni. Le cifre sono fortemente distorte.

Una cura, dal punto di vista statistico, non significa nulla e, inoltre, confonde la popolazione. La realtà delle remissioni varia notevolmente da un cancro all’altro, poiché alcuni vengono riassorbiti e altri, più numerosi, sono fatali; varia anche da una fascia di età all’altra. Chiunque abbia il cancro potrebbe arrivare a credere di avere il 50% di possibilità di uscirne, qualcosa di totalmente falso poiché è molto probabile che, a seconda del caso specifico, non abbia fortuna.

Pillole

Uno studio australiano (“The Contribution of Cytotoxic Chemotherapy to 5-year Survival in Adult Malignancies”, Clinical Oncology, 2004: 16 549-560) ha chiaramente dimostrato che la parte attribuibile delle presunte cure chemioterapiche era solo del 2,2% (2,3% in Australia, su 72.964 pazienti controllati per dieci anni e il 2,1% negli Stati Uniti, circa 155.000 pazienti). I ricercatori scientifici in oncologia conoscono questo studio in profondità, ma il pubblico in generale non ha idea. A proposito, non vogliono que si sappia la verità, la chemioterapia è un’attività economica molto redditizia. Se alle persone venisse detta la verità – qui si ha un trattamento che solo riesce ad ottenere, in realtà, il 2,2% dei sopravvissuti – chi accetterebbe tale trattamento?

Tutti i pazienti che muoiono per conseguenze chirurgiche, errore medico o effetti secondari del trattamento sono esclusi dalle statistiche sulla morte per cancro. La diagnosi precoce, che già offre circa il 25% di falsi positivi, ha un solo vantaggio: permettere di iniziare il trattamento prima e migliorare così le statistiche a cinque anni; il paziente trattato precocemente morirà dopo cinque anni e in questo modo incluso come “curato” secondo la logica di questo sistema.

Una chiara osservazione “causa-effetto”

Secondo i terapisti della Nuova Medicina Germanica (NMG), che si basano su cinque leggi biologiche inconfutabili scoperte dal Dr. Ryke Geerd Hamer, il modo migliore per contrarre il cancro alla prostata è, ancora, sottoporsi a un test di rilevamento.

Secondo queste leggi verificate e verificabili, in tutti i casi osservati, il cancro alla prostata è apparso dopo uno specifico shock biologico; nella scansione cerebrale è stato osservato un impatto preciso sul cervello nel luogo corrispondente all’organo. Una volta risolto lo shock, la fine della crescita del tumore è automatica. In tutti i casi osservati, l’uomo colpito aveva subito uno shock biologico che minacciava la sua prole, dovuto a un fattore esterno e in cui si doveva, a volte, tener conto del confronto con una persona dell’altro sesso.

I medici o terapisti consultati, e che praticano secondo le leggi della NMG, sottolineano che gli uomini spesso diventano molto emotivi durante la consultazione quando alcune questioni, solitamente neutre in termini di relazioni affettive (figli, coppia, partner, ecc.) vengono alla luce. Una domanda semplice come “hai figli?” o “Com’è il tuo rapporto con tua figlia?” Può provocare una forte reazione: “sì, ho un figlio, e ho sempre voluto averne un altro, ma il mio ex non voleva sapere niente, e nemmeno il mio nuovo partner non vuole sentirlo né parlarne!” oppure “io e mia figlia non siamo mai d’accordo, la comunicazione è impossibile, lei esce con un idiota!”

Il medico o il terapista che pratica secondo le nuove leggi aiuta l’uomo ad identificare, lui stesso, lo shock biologico originato dal suo cancro alla prostata, ma soprattutto ad esprimere il suo sentimento, cosa che non è quotidiano per tutti gli uomini. Spesso, non solo lo shock è stato improvviso e inaspettato, ma la persona non ha espresso la sua rabbia, frustrazione o paure. È chiaro che la fatica biologica ci invade quando si gira e rigira intorno a un problema senza trovare una soluzione. D’altra parte, gli uomini riconoscono spontaneamente di essere nervosi, di non avere uno spirito calmo e che questo si riflette nella qualità del sonno e dell’appetito. “Hai espresso a tua figlia le tue paure riguardo al suo futuro?” Spesso la risposta è “no”.

Abbiamo visto uomini che, con diagnosi di cancro alla prostata avanzato, sono tornati a urinare normalmente poco dopo aver comunicato le loro paure alla figlia o al partner; ma abbiamo anche visto altri che hanno sviluppato un altro cancro, questa volta il cancro alle ossa, perché non potevano comunicare e si sentivano totalmente impotenti di fronte alla situazione.

La psicologia maschile

“Un uomo deve essere sicuro di sé, non aver paura di niente. Deve essere autonomo, autosufficiente e non ammettere nessun altro proprietario se non se stesso; non dovrebbe essere dipendente… ”, Shere Hite (The Hite report on male sexuality, Macdonald, 1981).

Questi fatti si riferiscono al ruolo e all’educazione dell’uomo nella nostra società. L’uomo subisce, più o meno, una forte pressione esercitata dal suo ambiente, da valori sociali dominanti e stereotipi, compreso un modello di virilità. I condizionamenti secondo i generi e le costruzioni culturali vengono creati fin dall’infanzia. I media e la pubblicità sono fonte di numerose banalità, di archetipi maschili e femminili che incasellano gli individui.

Uomini

Da adulto, anche se l’uomo è eterosessuale o omosessuale, subisce gli effetti di questi cliché. Molti addirittura negano la propria individualità e i propri sentimenti, in particolare a causa della paura dell’esclusione. Secondo la famosa antropologa e autrice Françoise Héritier, rispetto all’evoluzione umana, io nostro ambito di lettura rimane arcaica. “Le società, anche quelle più evolute, sono segnate dalla permanenza di questo tipo di pensiero che io chiamo il modello dominante arcaico”. La rigidità dei ruoli assegnati a uomini e donne determina in gran parte la loro sofferenza, ma anche le loro malattie, poiché ciò che non si esprime o si risolve nel concreto finisce per essere assorbito dal corpo fisico.

Uomini, soprattutto, che si vietano di esporsi a situazioni di debolezza e, ancor più, come vittime, sono ancora più soggetti a malattie gravi, comportamenti pericolosi, alcolismo o tossicodipendenza; parlano meno, consultano meno, si prendono cura di se stessi di meno, si suicidano di più, ecc. – secondo il rapporto Rondeau Gilles Rondeau -“Uomini: aprirsi alle proprie realtà e rispondere ai propri bisogni”, consegnato al Ministero della Salute e dei Servizi Sociali nel gennaio 2004.

Raggruppamenti, come il Réseau Hommes Québec, fondato nel 1992 dallo psicoanalista e autore Guy Corneau, e che ha diffuso in Europa – l’annuale congresso internazionale della condizione maschile “Parole di uomini” – la cui prima edizione è stata pubblicata a Ginevra nel 2003 ( Yvon Dallaire è il suo presidente e co-organizzatore) – e opere come “Homme et fier de l’être” (trad. libera: Cuando gli uomini parlano), di Yvon Dallaire, “Quand les hommes parlent …” (trans. Libre : Quando gli uomini parlano), di Patrick Guillot e “Aider les hommes” (trad. libera: Aiutare a gli uomini), anche di Germain Dulac, mirano ad aiutare l’uomo a capire che non è debole, ma forte e controllato (autocontrollo), quando è in grado di ammettere di avere difficoltà e quando è in grado di fare dei passi per trovare risposte e risolvere i suoi problemi.

“La mascolinità non richiede la negazione dei sentimenti; gli uomini hanno il diritto di esprimerli nella loro interezza. Nella nostra società, questo richiede coraggio e il sostegno degli altri. Cominciamo a morire, come esseri umani, quando abbiamo paura di dire o agire secondo ciò che sentiamo “

(Estratto da: “Le nouveau manifest des hommes”, di Aaron R. Kipnis, selezionato da Knights Without Armour).

Scritto da Loulou Bédard

Responses

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *