La spiegazione dell’influenza secondo la Nuova Medicina Germanica

Programmi biologici spiegati secondo il NMG

  • Influenza
  • Sinusite
  • Rinite
  • Mucosa nasale
  • Bronchite
  • Laringite
  • Febbre
  • Faringite
  • Tonsillite e infiammazione adenoidea
  • Otite
  • Perforazione del timpano
  • Sordità
  • insufficienza renale
  • Tubercolosi

Siamo tutti abituati ai programmi biologici del corpo e abituati ad aspettarci risposte psicosomatiche nel nostro corpo.

Tutti sanno che esiste una relazione diretta tra ciò che la persona soffre e ciò che somatizza (risposta biologica a una situazione specifica).

Programmi biologici che tutti conosciamo

  • Se corriamo una maratona e affaticiamo il nostro corpo, in particolare i nostri piedi, nessuno ha dubbi che quando raggiungiamo l’obiettivo, i nostri piedi si gonfieranno e si infiammeranno.
  • Sappiamo tutti che se dormiamo qualche giorno male o siamo per alcuni giorni senza dormire potremo osservare la comparsa delle occhiaie, per di più, quando vediamo qualcuno con le occhiaie gli chiediamo, cosa succede che non riesci a riposare?
  • Dopo o prima di un esame, potremmo avere la diarrea. Siamo abituati a sapere che questa diarrea proviene da una situazione molto drammatica, senza sapere nello specifico come, conosciamo sempre la causa.
  • Dopo essere andati in palestra e aver affaticato un muscolo, nessuno avrà paura perché il muscolo allenato si infiamma e fa male, dato che siamo tutti abituati a sperimentare l’unione tra l’esercizio, con l’affaticamento muscolare e il dolore che segue la fatica, ma noi siamo felici perché è un’indicazione che il muscolo si sta riparando, rigenerando e crescendo. Sappiamo e conosciamo l’unione tra fatica e dolore in questo caso.
  • Chiunque suoni la chitarra avrà dei calli sulle dita, in modo che la corda non faccia male, tutti sanno che quando il callo si forma, il dolore scompare. Inoltre, ti dicono, esercitati finché esce il callo.

Siamo abituati a vivere situazioni drammatiche e pensare o anche a volte dire: questa situazione mi ucciderà …

Sappiamo che le situazioni drammatiche che viviamo ci fanno male, ma non crediamo davvero che sia vero al 100%. C’è qualcosa dentro di noi che viene costantemente espresso con la massima verità, ma facciamo orecchie da mercante o crediamo che sia un’espressione esagerata della nostra psiche, quando è pura verità. Perché abbiamo la falsa idea che un’infiammazione sia il prodotto di un contagio o di un agente patogeno (nocivo) che proviene dall’esterno, quando in realtà è sempre un processo sensato e biologico della natura.

Spiegazione dell’influenza secondo la NMG

Per la NMG, l’influenza, corrisponde a un insieme di programmi biologici (di sintomi e segni) in fase di riparazione. Dove un evento percepito come drammatico può innescare vari conflitti biologici e quindi vari programmi biologici. Ad esempio con i conflitti di “questo fa schifo” o “spavento/minaccia nel proprio territorio”, “sentirsi bloccato”, “conflitto di boccone”, “rabbia indigeribile” ecc.

Sviluppiamo ancora un po’ la questione…

Dobbiamo anche sapere che sempre un evento percepito come drammatico, inaspettato e vissuto da solo può innescare vari shock biologici e quindi, vari programmi biologici. Ogni programma biologico ha il suo “ritmo”, i suoi processi e le sue caratteristiche (il suo insieme di sintomi e segni).

Concetto di sinusite secondo la NMG

  • La sinusite o rinite è un’infiammazione dei seni paranasali. Potrebbe anche esserci un’infiammazione della mucosa nasale.
  • Nella NMG sappiamo che per che ci sia infiammazione della mucosa nasale (di origine ectodermica e controllata dalla corteccia sensoriale) deve esserci una soluzione a un conflitto sensoriale. È la prima fase di riparazione di uno shock biologico di “non essere in grado di sentire l’odore di una minaccia nel proprio territorio” o “questo fa schifo” o questa situazione “puzza”.
  • Il conflitto potrebbe essere dovuto a: “Questa situazione puzza” o “Sto annusando una minaccia nel mio territorio”.
  • Una volta risolto il conflitto, può comparire sanguinamento spontaneo dal naso.
  • Se c’è sanguinamento con muco, parliamo di un processo di riparazione.
  • Se compaiono cisti sinusali, durante la fase di riparazione, possono scomparire in gran parte, ma non completamente. Il tessuto cicatriziale si forma come parte del processo di riparazione.
  • In alcuni casi può comparire la febbre, se il conflitto dura a lungo o il dramma è molto grande e compare la sindrome dei TCR (Tubuli collettori renali), questo sarebbe un conflitto aggiunto al precedente olfattivo. Parliamo qui del abbattimento, dello sradicamento e dell’abbandono, dove i reni trattengono i liquidi, gli edemi si ingrandiscono e la situazione è più dolorosa. La febbre può comparire perché sono coinvolti i TCR e, essendo un organo endodermico in fase di riparazione, può comparire la febbre.
  • Una volta finito il programma di riparazione e senza ricadute nel conflitto, la mucosa nasale viene sgonfiata e il tessuto viene riparato. Poiché durante la fase attiva e con pieno senso biologico, la mucosa nasale subisce un’ulcera, per evitare di annusare la situazione che puzza, distruggendo così i nervi olfattivi della mucosa nasale ed evitando di annusare la situazione.

L’origine della Rinite

La rinite allergica coinvolge la mucosa nasale di origine ectodermica. Secondo i nostri arcaici programmi di sopravvivenza, l’olfatto è essenzialmente associato a uno shock biologico di non essere in grado di rilevare in anticipo la presenza di un pericolo che succede a una distanza abbastanza vicina nel territorio.

Pertanto, lo shock biologico che causa la rinite allergica può essere espresso come “annusare il pericolo”, o “non riesco più a sentirne l’odore” o “questa situazione puzza”.

Il dottor Hamer parla di uno “shock puzzolente”, nel senso che qualsiasi situazione che, da un punto di vista olfattivo, rappresenta una minaccia reale o simbolica, può innescare un SBS che coinvolge la mucosa nasale.

Nella fase attiva si formano ulcere indolori sulla mucosa nasale. Queste ulcere sono spesso accompagnate da formazione di croste e sensazione di naso secco.

La rinite allergica succede durante la fase pcl-A ed è spesso accompagnata da prurito.

La CE spesso si manifesta come un sacco di starnuti.

Durante la fase pcl-B, i sintomi della rinite allergica migliorano gradualmente.

La rinite allergica implica l’esposizione periodica a uno o più railes associati al DHS iniziale.

Coinvolgimento bronchiale secondo la NMG

  • Durante la Fase Attiva di una Minaccia sul territorio per l’uomo destro in equilibrio ormonale e per l’uomo mancino in stato di squilibrio ormonale; di Susto nel territorio per la donna mancina in equilibrio ormonale e per la donna destra in squilibrio ormonale l’organo colpito sarà il bronco.
  • Il programma biologico si manifesta con un’ulcera nella fase attiva della mucosa bronchiale di origine ectodermica e nella fase di riparazione, l’edema corrispondente per riparare l’ulcera generata durante la fase attiva. Lì potremo osservare un muco verde, quel muco è il residuo della riparazione del bronco.
  • Non confondere la tosse con catarro, con tosse asinina (nota anche come tosse convulsa o tosse canina o pertosse).
  • La tosse convulsa della laringe è dovuta a un conflitto biologico di grande paura nel territorio per la donna destra in stato di equilibrio ormonale, per la donna mancina in squilibrio ormonale e minaccia nel territorio per l’uomo mancino in uno stato di equilibrio ormonale e l’uomo destro in uno squilibrio ormonale, poiché corrisponde a un programma biologico della laringe.
  • Qui compare la bronchite (che può essere dovuta alla soluzione di un conflitto o un edema riparatore multiplo dovuto alla ricaduta nel conflitto per un lungo periodo), infiammazione delle vie respiratorie e una tosse irritante, che permette di rimuovere il muco accumulato.
  • Qui compare la bronchite (che può essere dovuta alla soluzione di un conflitto o un edema riparatore multiplo dovuto alla ricaduta nel conflitto per un lungo periodo), infiammazione delle vie respiratorie e una tosse irritante, che permette di rimuovere il muco accumulato.
  • Durante la fase di riparazione, il bronco diventerà gonfio e infiammato per guarire in seguito.
  • Può accadere che con una grande massa conflittuale e molte ricadute, appaia una ciste (che è un tumore riparatore), che dovrebbe rimanere, poiché è un tessuto riparatore. Ma, se scompare, sapremo che la persona è tornata nella fase attiva, poiché questo indica un nuovo processo di ulcerazione.
  • In concomitanza con i programmi biologici dei bronchi (ulcera in fase attiva per allargare il bronco e riconoscere o annusare meglio l’avversario), le cellule caliciformi, in fase attiva, secernono un muco trasparente, presente nei rivestimenti epiteliali o liquido per idratare i bronchi e alleviare l’infiammazione. L’obiettivo biologico di questo programma è riconoscere meglio l’avversario attraverso l’ulcera della mucosa bronchiale, che permette l’ingresso di una maggiore quantità di “respiri d’aria”.
  • Il muco trasparente secreto dalle cellule caliciformi di origine germinale endodermica, serve per evitare l’annegamento e per poter rimuovere il muco riparatore dai bronchi, questo muco allevia la secchezza e l’infiammazione della mucosa bronchiale e quindi la paura del soffocamento.

Raccomandazioni in questi casi

  • Il timo calma la tosse e favorisce l’espulsione del muco in eccesso. Può essere utilizzato in vaporizzazioni insieme alla camomilla o nel tè.
  • Zenzero (Zingiber officinale) per alleviare il mal di testa, alleviare i dolori muscolari.
  • Se la testa fa male o viene la febbre, metti la testa sotto l’acqua fredda finché l’edema scompare e il dolore con esso.
  • Anche per ridurre il mal di testa, che produce l’edema di riparazione, si consiglia di bere caffè.
  • Si consigliano vaporizzazioni di Timo e camomilla con un asciugamano sulla testa, simulando una nebulizzazione, per sciogliere il muco e facilitare la tosse con catarro.

Spiegazione della tubercolosi secondo la NMG

A questi due programmi della mucosa bronchiale e della mucosa nasale, aggiungiamo …

  • Il programma biologico che si attiva con la “paura della morte”, negli alveoli polmonari, avremo una riproduzione alveolare in fase attiva (un tumore polmonare che ci permette di assorbire una maggiore quantità di ossigeno per sfuggire al predatore) e un nuovo edema in fase di riparazione, con infiammazione e febbre.
  • Qui sarà presente il lavoro del nostro fedele alleato il batterio della Tubercolosi (solo in chi ce l’ha, in caso di non averlo per essere stato vaccinato o per prendere antibiotici, il tumore rimarrà al suo posto, totalmente innocuo.
  • e sono presenti batteri, il tumore si decomporrà grazie all’azione della caseificazione, che decomporrà il tumore, se e solo se il conflitto è stato definitivamente risolto) questi batteri lavorano sulla riparazione degli alveoli polmonari, un tessuto di origine endodermico controllato dal tronco cerebrale. Il conflitto si risolve solo se la persona riesce a perdere la paura della morte.
  • Se il catarro è bruno-rossastro, può corrispondere agli alveoli polmonari, i bronchi


Spiegazione dell’insufficienza renale secondo la NMG

D’altra parte, se la persona è abbattuta, si sente isolata, ad esempio se viene ricoverata in un ospedale (che non è il suo territorio e non sembranemmeno ), oppure viene portata fuori dal proprio posto, fuori dal proprio territorio , e si sente sradicato e collassa, attiverà un programma biologico a livello dei tubuli collettori del rene, con la conseguente complicazione del quadro trattenendo i liquidi. La chiamano insufficienza renale, quando in realtà si tratta di un programma biologico in fase attiva, basta radicare di nuovo la persona per risolverlo ed eliminare i liquidi trattenuti. La realtà è che quando a una persona viene diagnosticata un’insufficienza renale, se elimina parte del liquido, ma solo i rifiuti, salva il resto, fino a quando è in grado di radicarsi di nuovo nel suo territorio.

Ricorda che il fluido non viene trattenuto solo nei reni, ma anche in tutti i punti in cui è presente un edema nel corpo.

E se c’è edema negli alveoli, nelle cellule caliciformi, o nel naso, nella mucosa nasale, si raddoppierà o triplicherà il liquido e quindi il dolore, perché si accumula dove c’è l’edema.

Tieni presente che se la persona ha un respiro sibilante durante l’espirazione, significa che i bronchi sono coinvolti in un programma biologico. Quindi il conflitto di minaccia/spavento nel territorio.

Se ci sono problemi durante l’inalazione, stiamo parlando della muscolatura della laringe, non dei bronchi. Cioè, se fai un fischio mentre inspiri, significa che il programma della laringe è attivo.

Quando parliamo della mucosa della laringe, durante la fase attiva si verifica un’ulcera. Con la comparsa del successivo edema nella fase di soluzione e la diagnosi di laringite.

E la particolarità dei bronchi e della laringe è che tendono a colpire anche i muscoli della laringe e del bronco, rispettivamente. Da quando c’è un grande spavento, i muscoli sono paralizzati. L’uomo destro e la donna mancina paralizzano i bronchi in uno stato di equilibrio ormonale e l’uomo mancino e la donna destra paralizzano la laringe in uno stato di equilibrio ormonale (con lo stesso conflitto, una grande minaccia/spavento all’interno del territorio).

In questi casi di grande spavento, paralizzare la muscolatura dei bronchi è quando potrebbe essere necessario un respiratore.

Anche quando la muscolatura della laringe è paralizzata da un grande spavento, poiché non sarà possibile ingoiare un boccone, potrebbe essere necessario un tubo per nutrirsi.

Spiegazione della Faringite secondo la NMG

La mucosa nasale di origine germinale ectodermica non deve essere confusa con la mucosa della faringe di origine germinale endodermica.

Si deve tener conto che la mucosa della Faringe, durante la fase attiva di un conflitto di “boccone” (difficoltà a “ingoiare un boccone reale o simbolico” sul lato destro della gola o sbarazzarsene, sul lato sinistro), avrà una crescita cellulare e durante la Fase di Riparazione, grazie all’aiuto di batteri chiamati Streptococcus, gonfieranno il tessuto generato in eccesso, lo caseificheranno e poi lo decompongono, generando il famoso “pus” in gola , che elimineremo in fase di riparazione, se il conflitto si risolve senza ricadute.

Chiarimento sul conflitto di non “ingoiare un boccone”; la parola “ingoiare” può significare integrare, ammettere, incorporare e così via. Ad esempio: “dover sopportare, o ingoiare o tollerare una situazione che non mi piace e che mi dà fastidio”, in questo caso potrebbe essere “devo ingoiare gli insulti e non voglio” o “non essere in grado di ingoiare una promessa non mantenuta”.

Alcune ricette utili in caso di infiammazione della mucosa della faringe (oltre a risolvere definitivamente il conflitto) possono essere:

  • Fare i gargarismi con acqua salata tiepida, senza ingerire il liquido, parecchie volte al giorno.
  • Macinare la radice di zenzero fresca in una tazza di acqua calda, aggiungere miele e limone, fare i gargarismi con questa soluzione prima di ingoiarla.
  • Eucalipto: infusione, una o due foglie per tazza, bere tre volte al giorno. Vapori, fai bollire una manciata di foglie in un litro d’acqua e inspira i vapori coprendoti la testa con un asciugamano.

Va inoltre tenuto presente che essendo un organo endodermico durante la fase di riparazione, la febbre apparirà insieme ai nostri fedeli alleati, i batteri creati dal cervello per il processo organico di riparazione.


Le tonsille e le adenoidi sono di origine endodermica, per questo vanno tenuti in considerazione gli stessi programmi biologici della faringe. Sappi anche che per chi non ha le tonsille per essere state rimosse in un intervento chirurgico, le riparazioni (conflitto di boccone) vengono effettuate, anche se non in modo ottimale.

Le tonsille sono una “massa tondeggiante di tessuto linfatico situata nella gola o nella faringe e che hanno una funzione difensiva (modulano il lavoro microbico), soprattutto nei primi anni di vita di una persona (reazioni più arcaiche). Proteggono l’ingresso delle vie respiratorie e digestive dai microrganismi batterici (sappiamo con la quarta legge che non abbiamo bisogno di proteggerci dagli alleati)”.

In caso di febbre sostenuta senza scendere, sospetta sempre la presenza di una Sindrome dei TCR, cioè è imperativo radicare la persona, calmarla e fargli perdere la paura.

Alcuni suggerimenti per alleviare la febbre:Alcuni suggerimenti per alleviare la febbre:

  • Applicare impacchi freddi o mettere la testa sotto una doccia fredda per ridurre l’edema cerebrale.
  • Si può fornire un antipiretico naturale (che è un riduttore di febbre): alcuni esempi possono essere: decotto di corteccia di salice (salix spp.) o tintura di bacche di sambuco. L’acido usnico è un antibiotico naturale estratto dai licheni, in particolare dalle varietà di Usnea Barbata. Non consigliamo antibiotici sintetici, è contrario alla Quarta Legge Biologica. In caso di non ottenere Usnea Barbata, utilizzare la tintura madre di curcuma.

Considera anche che siamo stati ingannati dalle false teorie di Pasteur e uno dei pilastri fondamentali del pensiero medico ufficiale è la teoria senza senso del monomorfismo che Pasteur postulò. Plagiarizzate e distorte le scoperte di Antoine Béchamp (pleomorfismo). Louis Pasteur (1822-1895) e Antoine Béchamp (1816-1908) hanno proposto due spiegazioni opposte per la malattia. La Quarta Legge corrisponde esattamente alla visione di Béchamp (i batteri sono lì per ricostruire i tessuti malati, per riciclare i rifiuti e non attaccare mai i tessuti sani), e più tardi, Jules Tissot, Ethel Douglas Hume.


Prima di concludere questo articolo sulle mucose, non possiamo non menzionare un sintomo molto ricorrente nei bambini e negli adulti…

Spiegazione dell’otite secondo la NMG

  • In questo caso sarà coinvolta la mucosa dell’orecchio medio, di origine endodermica e controllata dal tronco encefalico.
  • Durante la fase attiva di un conflitto che coinvolge questo organo, si verificherà la proliferazione cellulare e durante la fase di riparazione (una volta risolto il conflitto) si verificherà il corrispondente edema, potrebbe comparire anche l’infiammazione che può causare dolore all’orecchio e febbre.
  • Il conflitto biologico che colpisce l’orecchio medio è quello del “boccone uditivo”.
  • Quando l’orecchio destro è colpito, è dovuto “non essere in grado di prendere o ricevere il boccone uditivo”.
  • Il senso biologico è creare un tumore di tipo assorbente, per un migliore assorbimento del boccone; aumenta la capacità uditiva.
  • Quando viene colpito l’orecchio medio sinistro, il conflitto è dovuto al “non essere in grado di liberarsi di un boccone uditivo”.
  • Il senso biologico in questo caso è quello di creare un tumore secretorio, per migliorare il blocco del boccone uditivo ed è per questo che si verifica la diminuzione della capacità uditiva.
  • Nella fase attiva troveremo una crescita tumorale nella mucosa dell’orecchio medio, dietro il timpano (sottile membrana che delimita, come un confine, il canale uditivo esterno e l’orecchio medio)
  • Durante la Fase di Riparazione (una volta risolto il conflitto), apparirà l’infiammazione insieme al pus, dovuta all’attività di caseificazione necrotizzante dei batteri, per decomporre i tumori.
  • Con una massa di conflitto significativa (tempo per intensità del conflitto), la pressione (accumulo di pus o fluido) dietro il timpano può causarne la perforazione.
  • Il timpano guarisce da solo. Nel caso di una condizione cronica, sappiamo che è dovuta a ricadute o presenti memorie sensoriali o vari conflitti biologici, che possono portare alla distruzione del nervo uditivo.

È importante tenere presente che qualsiasi farmaco applicato durante la fase di riparazione la invaliderà, intervenendo nel processo di riparazione e generando una ricaduta.

Nel caso tu voglia aiutare l’orecchio a sbloccarlo, sappi che i drenaggi timpanici non invalidano la fase di riparazione.

Per coloro che sono più coinvolti con la NMG, dovete sapere che l’orecchio medio e la tromba di Eustachio provengono dallo strato germinale dell’endoderma e l’orecchio interno proviene dallo strato germinale dell’ectoderma.

Quando parliamo di un Conflitto biologico uditivo (non di boccone) dell’orecchio interno (di origine ectodermica), ci riferiamo sempre a un suono intollerabile, questo è un conflitto reale. Con diverse ricadute può portare alla distruzione del nervo acustico e produrre sordità permanente.

Altre due osservazioni: da un lato, quando appare un tappo di cera solido, può essere dovuto a un meccanismo di ostruzione o protezione del suono. È una possibilità tra migliaia. Ma tieni anche presente che nella nostra società il telefono può essere facilmente un rail a causa del conflitto biologico di spiacevole boccone uditivo, quindi, ogni volta che squilla il telefono, si ha una ricaduta.

Raccomandazioni per l’otite:

  • Posizionamento di olio di Verbascum Thapsus o Verbasco (pianta medicinale).

Come e per cosa usare il “verbasco”

Il Verbasco ha un’importante azione emolliente (grazie alle mucillagini), balsamica, espettorante, antitosse, antinfiammatoria, antiallergica e digestiva.

Può essere utilizzato per alleviare l’infiammazione di:

  • Tonsillite
  • Faringite
  • Bronchite
  • Asma
  • Diarrea e irritazioni digestive (in clisteri)
  • Malattia della pelle
  • Bolle
  • Emorroidi (bagni semicupi, cataplasmi e olio medicinale)
  • Otite

Posologia:

  • Infusione di fiori: 1 o 2 cucchiai per tazza, 3 volte al giorno prima dei pasti. Dovremo filtrarlo parecchie volte o passarlo attraverso un filtro di carta poiché i suoi stami sono un po’ irritanti.
  • Infusioni per irrigazioni, impacchi …: Useremo 2 gr. per litro.
  • Uso esterno: Decotto concentrato da 80 a 100 gr. per litro, faremo bollire 10 minuti. Lo applicheremo sotto forma di clisteri in diarrea e in lavaggi e impacchi per problemi dermatologici.
  • Impacchi di foglie: lo useremo in dermatiti, bolle e ustioni.
  • Olio medicinale di Verbasco: Metteremo 60 gr. di fiori in una bottiglia a collo ampio. Aggiungiamo olio extravergine di oliva spremuto a freddo per coprire i fiori e superare i 2 cm. Lo copriamo e lo scuotiamo vigorosamente, lo lasciamo esposto al sole per 2 settimane e si agiterà una o due volte al giorno durante questo periodo di macerazione.
  • È molto utile nel mal d’orecchi, semplice suppurazione, come antipruriginoso (prurito) e antisettico. Lo applicheremo a temperatura ambiente. Per esaltarne le proprietà possiamo ripetere il processo 3 volte utilizzando ogni volta fiori nuovi e l’olio della precedente macerazione. Otterremo così un olio antinfiammatorio e antibiotico.

Ricorda che questa è una spiegazione molto breve, solo allo scopo di rendere nota a chiunque la spiegazione della NMG ed evitare disinformazione. Se vuoi approfondire nella NMG, offriamo una formazione completa sul web.

Grazie per leggere questo articolo.

Related Articles

Responses

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *